giovedì 7 novembre 2013

Stacce


C'è un campo piccolo. 
Davanti al campo ci sono delle panchine.
E io sulle panchine, davanti il campo piccolo, mi siedo spesso nel pomeriggio e guardo le foglie per terra che stranamente sono di un rosso e di un giallo intenso. Schiaccio le foglie, leggo e un po' mi guardo intorno.
Le foglie fanno un rumore che è simile a un cracker che si rompe. Sono friabili. Fri abili. In ordine penso a Banderas che impasta i cracker (s'impastano, no?), alla terra friabile, al fango. E' che ho i pensieri pindarici. 
Dentro al campo si tirano la palla, ma proprio addosso, e s'insultano e ridono. "Regazzini", dicono qua. Regazzini con le Jordan ai piedi e con i pantaloncini corti.
Penso che a 883 km da qui, i "regazzini" li chiamano "carusi" e che alcuni di loro io li conosco e me lo ricordo quando stavano dentro un campo, con le Jordan e i pantaloncini corti.
E mi ricordo anche che uno di loro non lo vedo da anni e non perché non avrei voluto. E' solo che non si può. 
E mi ricordo che, sempre lui, mi diceva ché te li allisci a fare i capelli? Lo sai che riccia sei più tu? Almeno, si capisce subito come sei. E come sono? "Selvaggia". 
E mi ritrovo a schiacciare foglie che fanno crick e a sorridere di quei ragazzini che ne hanno messo uno all'angolo e gridano: "stacce".
"Stacce", è una parola che mi piace un sacco.
E se avessi avuto una macchina fotografica, non per forza ultra tecnologica, una qualsiasi, e avessi saputo fare delle foto più o meno decenti, magari li facevo vedere anche a voi i "regazzini" con le Jordan e le maglie a maniche corte a Novembre.
E voi, non potevate sentire che dicevano "stacce" ma quello ve l'avrei raccontato io.

10 commenti:

  1. Hai descritto un'immagine semplice ma bellissima.

    RispondiElimina
  2. Sa di pulito, l'immagine che ci hai regalato. Non so perché, ma me la vedo col cielo pulito e l'aria che sa di buono, che ti entra nei polmoni mentre inspiri tra un pensiero pindarico e una girata di pagine e un CRICK delle foglie. Io c'ho le decisioni pindariche. Vanno bene uguale?

    RispondiElimina
  3. Bella Emme, sempre parole che mi piacciono le tue.
    Abbraccio tesoro

    RispondiElimina
  4. Anche se manco da un po, tornare nel tuo blog è una boccata d'aria buona sul tuo mondo. Scrivi ed io so dove sei, cosa vedi e quello che provi. E un bel dono, il tuo...

    RispondiElimina
  5. Crick. Crock. Sorrido. Grazie :)

    RispondiElimina
  6. Ma abiti così più in giù? Mio Dio.

    RispondiElimina
  7. Sembra quasi di vederle, quelle foglie gialle e marroni che crocchiano sotto i piedi. Stacce è una parola bellissima! :-)

    RispondiElimina
  8. STACCE... che insieme a "e daje" sono ormai nel mio vocabolario nonostante non sia romana doc. ;) ;)

    RispondiElimina
  9. stacce...
    decisamente non è nel mio vocabolario, ma amo coniare nuove espressioni per me stessa...
    e poi tu hai messo una scenografia così autunnalmente deliziosa

    RispondiElimina