sabato 29 giugno 2013

Le favole al contrario


Non lo voglio sapere quando è amore. No. 
Voglio sapere quando non lo è.
In fondo, ho sempre fatto confusione. 
Ho pensato di essere innamorata e non lo ero, ho pensato di amare e poi forse chissà. 
Allora, ditemi quali sono i segni di un non amore e come si gestisce.
Che se io non ti amo e non ti stimo e non ti voglio, tu per me non esisti.
Nel non amore c'è libertà. La libertà di essere me stessa, di non doverti piacere per forza, di ridere quando mi va e di non sentirmi scema se tu non mi capisci.
Nel non amore, io posso dirti di lasciarmi in pace quando voglio stare sola, perché se ti amassi ti vorrei lì proprio in quei momenti. 
Nel non amore, posso chiederti di essere assolutamente sincero con me e non mi offenderei mai. Tu mi dici che con quel vestito, con quei capelli, con quegli occhiali sono un cesso e a me scivola. Se ti amassi, m'importerebbe quello che pensi di me e tutto sarebbe falsato in un fare per ricevere approvazione.
Il non amore non è poi così male come dicono. Se io non ti amo e tu non ami me, se io vivo senza di te e tu anche, non abbiamo davvero "bisogno" l'uno dell'altro. 
Che io non voglio avere bisogno di nessuno. Voglio avere bisogno di me stessa ed è una cosa su cui sto lavorando e non so se ci riesco.
Tanto, poi, anche se fosse amore finirebbe comunque, prima o poi. E allora, tanto vale, cominciamo dal non amarci. Stiamo insieme perché così non siamo soli. Stiamo insieme perché la gente che ti vede sola pensa che tu sia infelice per forza (che poi anche no, ma chi glielo spiega?).
Non amiamoci che è più facile. Non innamoriamoci che è anche meglio. 

E non lo so perché scrivo queste cose adesso, ma ci penso da ieri e a qualcuno dovevo dirlo. 

8 commenti:

  1. Sapere quando non è amore è come sapere quando non lo è. Puoi saperlo si, ma non puoi sapere quando questa condizione cambierà. Ci sono cose nella vita che non possiamo controllare, soprattutto se si tratta di sentimenti, la conoscenza che si ha di noi stessi deve essere così profonda e intensa che non basta mai. Perchè poi ti trovi immersa nelle cose che non puoi tornare indietro. La soluzione è vivere, mia dolce Emme. Una cosa che ora ti sembra impossibile e quasi la vuoi scacciare. Io non volevo svegliarmi, la mattina era il momento peggiore, la consapevolezza, il sole che faceva luce su tutto.
    Quindi non ti rimane che respirare per sopravvivere, ora, per poi respirare a pieni polmoni per vivere, POI.
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  2. non posso aggiungere molto a quello che ha detto Berry.
    Piccola Emme, sapere quando non è amore è una liberazione come accorgersi che lo è.
    E quando lo sarà lo saprai, così come, in cuor tuo, sai quando non lo è, ma lo ammetti solo dopo.
    Respira, vivi, ridi...che a me hanno sempre detto che ridevo troppo poco, sorridevo troppo poco ed io mi ero persino dimenticata come si faceva.
    e poi, dolce Emme, sei davvero sicura che non amare sia più facile?
    per una che ha non amato troppo, ti dico: pensaci...
    ti abbraccio forte, anzi, ti stritolo!

    RispondiElimina
  3. "Nel non amore c'è libertà. La libertà di essere me stessa
    Nel non amore, io posso dirti di lasciarmi in pace quando voglio stare sola
    Nel non amore, posso chiederti di essere assolutamente sincero con me e non mi offenderei mai."
    Bizzarro: credo che queste siano tutte prerogative assolute dell'amore, quello riconoscibile e autentico.
    Allora forse, una strada possibile è quella di rinunciare alle etichette prefabbricate e prendere solo il meglio che la vita ha da offrirci.
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  4. Comunque noto che è periodo di domandone esistenziale per tutti!!!!!!!!! bene, almeno non mi sento sola nelle mie notti insonni a pensare col naso all'insù! sob!

    RispondiElimina
  5. A parte che uno che ti ama ti vedrà sempre come una donna bellissima indipendentemente da cosa indosserai, dal motivo per cui riderai ecc...

    Ma poi, mica sono migliori le cose più facili, no? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma neanche le cose difficili! Così c'è da sfarinarsi il cervello.
      :)

      Elimina
  6. Ecco, ottima riflessione e tempo fa mi ci sono arrovellata ben bene anche io anche se non credo che il non amare sia facile, dopo un po'.

    Ciao Emmeee :)

    RispondiElimina
  7. Il punto è che l'amore ci sfugge. Non possiamo decidere ne di amare ne di non amare e forse il bello sta proprio lì anche se, spesso, le conseguenze sono devastanti.

    Bacio cara

    RispondiElimina